domenica 18 marzo 2012

GP Australia: domina Button, ma i più bravi sono Perez e Maldonado.

La prima gara del campionato 2012 ha rimesso le cose a posto dal punto di vista dei valori, che apparivano decisamente rimescolati in seguito alle qualiifiche. La Red Bull è tornata competitiva mentre la Mercedes si è letteralmente "sgonfiata", come già avvenuto nelle ultime due stagioni.
A dominare è stata però la McLaren, con Jenson Button che prendeva la testa al via per lasciarla solo temporaneamente in occasione dei pit stop. Solo una attenta strategia del box Red Bull ha impedito una doppietta del team di Woking, andando a inserire il campione del mondo Vettel sul secondo gradino del podio, davanti a Lewis Hamilton.
Ma chi ha davvero esaltato è stata la coppia Sergio Perez, su Sauber, e Pastor Maldonado, su Williams. Il messicano, partito in ultima posizione, dopo dieci giri era già in lotta con Massa per l'ottava piazza! Il venezuelano è stato invece nella top ten per tutta la corsa, insidiando addirittura il quinto posto di Alonso nella parte finale. Soltanto un ultimo giro concitatissimo ha ridimensionato il risultato finale dei due giovani campioni: Maldonado è finito ingloriosamente a muro nella lotta con la Ferrari, mentre Perez, rallentato da un treno di gomme morbide ormai alla frutta (mantenute per 30 giri!) ha dovuto cedere il passo al compagno Kobayashi ed al rientrante Kimi Raikkonen.
Al di là del risultato finale, va detto che entrambe le monoposto di Sauber e Williams, sono apparse decisamente "solide" dal punto di vista delle prestazioni, in grado di competere addirittura con Ferrari, Mercedes, e Genii/Renault. Rimane da constatare se questo stato di forma permarrà nel prosieguo del campionato o se il divario con i top team andrà aumentando, come spesso accade in Formula 1.

Gran Premio d'Australia 2012 (Melbourne)

1. Button, McLaren-Mercedes: 1h34:09.565
2. Vettel, Red Bull-Renault: + 2.100
3. Hamilton, McLaren-Mercedes: + 4.000
4. Webber, Red Bull-Renault: + 4.500
5. Alonso, Ferrari: + 21.500
6. Kobayashi, Sauber-Ferrari: + 36.700
7. Raikkonen, Genii-Renault: + 38.000
8. Perez, Sauber-Ferrari: + 39.400
9. Ricciardo, Toro Rosso-Ferrari: + 39.500
10. Di Resta, Force India-Mercedes: + 39.700
11. Vergne, Toro Rosso-Ferrari: + 39.800
12. Rosberg, Mercedes: + 57.600
13. Maldonado, Williams-Renault: + 1 lap
14. Glock, Marussia-Cosworth: + 1 lap
15. Pic, Marussia-Cosworth: + 2 laps
16. Senna, Williams-Renault: + 4 laps

2 commenti:

  1. Non é neanche hamilton che uscito di pista in posizione non pericolosa venne rimesso in pista nientemeno che con la gru

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ops, ho inserito il commento nel topic sbagliato.

      Elimina